Bosco

Stagno

Venezia

Campagna

LUIGI RADICE Nato  a Carimate l '8 Aprile 1942.
Si forma pittoricamente, oltre alla propria ricerca personale, in varie scuole:
Il Centro a Desio - Corsi di nudo a Bovisio Masciago - Dipingere insieme
Desio diplomandosi inoltre alla scuola Artefici di Brera. Ha frequentato sempre a Brera la Libera Accademia del Nudo.
Ha allestito svariate personali e partecipato a numerosi concorsi e collettive in varie località: "Premio Monza Primavera, Bell'Italia Milano Centrale, Annone Brianza, Casa Natale Pio XI Desio, Capoverde Milano, Sala Pasolini Muggiò, Premio Cadorago, Caffè Incontri Desio (Personale), Ascona-Svizzera, Pro Loco Figino Serenza (Personale), Galleria Sargadelos Milano, Mostra interregionale Bolzano, Consolato Stati Uniti d'America Milano" ecc ... , ottenendo segnalazioni, attestati di riconoscimento ed alcuni premi.
In virtù della buona qualità pittorica espressa ha ottenuto inoltre consensi lusinghieri sia dalla critica specializzata che da parte del pubblico.

Paesaggio Lacustre

Lago di Como

RECENSIONE
Sono stato invitato da Luigi Radice nel suo studio per una visione critica della sua produzione pittorica. Ho esaminato attentamente un buon numero di opere che mi hanno dato la possibilità di esprimere valu­tazioni certamente non esaustive (non lo saranno mai) ma sufficientemente complete.
La prima impressione che ne ho tratto considerando la vastità e la varietà dei suoi temi, delle sue poetiche con le sue mutevoli espressioni è che egli non abbia e non voglia avere uno stile predeterminato una formula prestabilita.
Vi è però in queste continue diversificazioni, in questo continuo variare una convinta coerenza: la costante ap­passionata ricerca di una pittura della Realtà del Dato Reale.
Dipinga o disegni paesaggi, nature morte, ritratti, cieli, nudi, fiori ecc ... attraverso le varie tecniche: olio, pastello, a matita, acrilico, la molla che lo spinge è quella di cercare la realizzazione di una propria visione della Realtà e di restituirci l'emozione che la stessa gli genera.
Entrando in una analisi più specifica, più particolare posso affermare che nella vasta gamma di paesaggi prodotti i risultati più convincenti li ho verificati nei paesaggi con acqua: laghi, stagni, fiumi ecc ... Sembra vi sia un' attrazione peculiare a tale elemento naturale, un coinvolgimento probabilmente anche inconscio che lo portano a soluzioni pittoriche di una immediatezza, di una freschezza stupefacenti.
Senza avere da parte di Radice alcuna pretesa di primogenitura tematica vi è un gruppo di quadri che rappresentano dei vecchi muri scrostati. Sono di una poeticità considerevole. Eseguiti ad olio con la tecnica della spatola mi suscitano delle emozioni dei ricordi i quali mi restituiscono ai luoghi della mia più remota memoria. Scriveva Graham Sutherland: anche una minima frazione di verità (per quanto strana e insolita, per quanto piccola) fissata sulla tela con potenza espressiva resisterà ugualmente al tempo. Una grande importanza viene data alla figura umana. Ho visionato diversi dipinti, disegni, studi di questo filone realizzati con uno stile che potrei definire classico. Vi si intravede senza ombra di dubbio una consistente perizia. Questa acquisita alla Scuola Artefici di Brera e alla Libera Accademia del Nudo sempre di Brera. Osservando però con attenzione alcuni ritratti o autoritratti c'è il tentativo spesso riuscito di andare oltre la rappresentazione puramente accademica. Vi è a mio avviso una approfondita analisi psicologica tesa a rendere il dato caratteriale e fisiognomico. Cosa questa non certamente semplice. Quale giudizio finale posso dare dell' operato di Radice?
Potrei concludere rispolverando i termini roboanti, enfatici ad effetto, abituati a leggere in talune critiche ma non è nel mio stile.
Affermo invece semplicemente che Luigi Radice è un pittore con una buona preparazione di base, che ha attinto come tutti dalle varie correnti pittoriche, dai vari stili, il quale cerca di trovare un suo percorso in questi tempi complessi, senza l'ossessione, come scrivevo all'inizio, di uno stile predeterminato senza rincorrere le più svariate tendenze e mode. Ottenendo comunque risultati di tutto rispetto e qualità.

Ubaldo Stefanato