Ascanio Cacciamali

Inverno al vicolo lavandai

Casa rurale a Groppello

Inverno al Parco Sempione

Ascanio Cacciamali è nato a Milano, diplomato geometra ha coltivato la passione per la pittura come hobby. Ha partecipato a numerosi concorsi e collettive; ha allestito personali ottenendo lusinghieri successi di critica e di pubblico. Alcune sue opere sono presso collezioni private in Francia, Svizzera, Stati Uniti e Giappone.

Laghetto di Sartirana

Mulino d'autunno

Primavera

Nel bosco

Impressionista nella scia della migliore scuola lombarda, si esprime per il vivido tocco e per il senso della luce, componente imprescindibile di questo genere di pittura. Ecco infatti questi tagli di vedute sulle vecchie ringhiere di Milano, sulle antiche cascine sparse nel pavese, nel milanese e nella Lomellina, i ruscelli o le tradizionali rogge nell'infinito variare dei toni dell'ombra e della luce.
Il suo colore materico, in cui predominano i verdi, i bruni e gli ocra, lascia all'osservatore attento, lo stupore di trovare un artista che si esprime onestamente e nelle cui opere niente è improvvisato.
Quei colori caldi che portano al vivo la realtà di un ambiente, mettono in risalto un sentimento interiore del pittore al quale non manca certo l'elevazione poetica per dire con i pennelli quanto  suggerisce il cuore.
Prof. Silvano Motti

Fontanile al tramonto

Cascina Parasacco

Angolo al Parco Lambro

Dopo il temporale

Egli vuole rappresentare la tranquillità e la serenità che prescinde dalla presenza umana, basta una cascina, una casa rurale, un corso d'acqua, una teoria di alberi per esaltare uno stato d'animo che privilegia la nettezza formale e la serenità.
Da qui nasce il fascino dei suoi quadri che si potrebbero definire di un impressionismo personale originale, che basandosi su relativamente pochi elementi, riassume la bellezza della natura ed esalta il creato.
Gabriele Ventrice

Cascinale in Lomellina

Il colore materico, in cui predominano i verdi, i bruni e gli ocra esalta spontaneamente la realtà di un ambiente che l'artista riesce a rappresentare in modo semplice ma ricercato rendendo partecipe della propria emozione chi osserva il dipinto.
Le immagini, caratterizzate da una corposa morbidezza, lasciano trapelare un attento lavoro di composizione e strutturazione, conferendo a ciascuna opera una suggestiva ambivalenza e suscitando profonda c0mmozione ed emotività. Una pittura sentita e vissuta che ci viene presentata in una dimensione dove poesia e fantasia si fondono in totale armonia.

Presentazione alla personale al Gran Visconti Palace di Milano

Con meticolosa pazienza ricerca vecchie cascine, in cui ancora c'è vita, i cui segni, puntualmente riportati sulla tela, la rendono viva, attuale, non un paesaggio fuori dal tempo, puramente idilliaco. Con una pennellata morbida, stende colori ben dosati, in cui predominano spesso i bruni e gli ocra dell'autunno, gli azzurri grigi delle acque, rogge e ruscelli, in cui si rispecchiano con incredibile luminosità gli elementi sovrastanti.

Prof. Teresa Maddi